AUCHAN SOSTIENEAuchan è una grande azienda che agisce all'interno di un preciso contesto sociale e ambientale.
È suo interesse primario difendere questo contesto e valorizzarlo, contribuendo a creare un futuro migliore per l'azienda stessa,
i suoi collaboratori e i suoi clienti. Per questo Auchan porta avanti da anni progetti di sostenibilità e di solidarietà,
autonomamente o in collaborazione con associazioni locali e nazionali.

LA FONDAZIONE AUCHAN PER LA GIOVENTÙ

La Fondazione Auchan per la Gioventù è nata in Francia, nel 1996, dalla volontà del Gruppo Auchan di creare una struttura autonoma dedicata ad attività di servizio e di solidarietà sociale a favore della comunità e in particolare dei giovani in situazioni di disagio sociale.
La Fondazione intende fornire il proprio contributo per favorire accessibilità ed inclusione sociale nei diversi contesti in cui l'azienda è presente con i suoi punti vendita, rispondendo concretamente ai bisogni presenti, valorizzando il ruolo delle associazioni locali e promuovendo il coinvolgimento dei propri collaboratori.

Dal 2012 la Fondazione ha avviato la propria attività in Italia, stimolando la partecipazione dei diversi Ipermercati, chiamati a individuare i progetti e le iniziative locali da sviluppare. Sono stati selezionati da allora 26 progetti:

il progetto proposto dall'Ipermercato di Bergamo è nato dalla collaborazione con l'associazione di volontariato "L'Arcobaleno", attiva nella provincia di Bergamo con progetti di inclusione sociale, e prevede lo sviluppo di un percorso di sostegno linguistico e sociale rivolto a minori immigrati e alle loro famiglie.


Il progetto proposto dall'Ipermercato San Rocco al Porto (Piacenza), in partnership con l'associazione Comunità Familiari, promuove un percorso di inserimento di giovani in situazioni di disagio, tramite programmi educativi personalizzati,
in sinergia con scuole e centri di formazione.


L'Ipermercato di Cesano Boscone ha costruito un progetto con l'Associazione Sportiva San Giustino per proporre agli adolescenti e giovani del quartiere attività sportive di calcetto e pallavolo, con appuntamenti settimanali gratuiti, al fine di creare gruppi stabili, che aiutati da un educatore professionale e dai volontari della polisportiva possano costituire punto di riferimento e di appoggio anche per i loro bisogni in ordine alla riuscita nella scuola e nella ricerca del lavoro.


Il punto vendita di Taranto ha elaborato un progetto con la Cooperativa Sociale Crescere, rivolto a Minori di ambo i sessi e di età compresa tra i 3 ed i 18 anni. L'obiettivo è quello di rispondere ai molteplici bisogni di minori e famiglie, offrendo loro sostegno, accompagnamento e supporto, operando in stretto collegamento con i Servizi Sociali e le Istituzioni scolastiche.

Il punto vendita di Rescaldina ha ideato un progetto con la Cooperativa Sociale Società e Servizi al fine di creare un centro diurno per l'accoglienza di minori con patologie ad alto impatto sociale. Questo servizio permetterà ai bambini di sviluppare doti creative, ma anche sociali e comunicative ed ai genitori di essere seguiti dagli educatori nel percorso di crescita dei propri figli.

L'ipermercato di Cagliari Santa Gilla, insieme all'Associazione Arco in Cielo, ha creato il progetto Stupefacenti bulli nel paese delle false realtà. Questo si rivolge a minori della scuola media inferiore ed ha la finalità di sensibilizzarli sui temi del bullismo e dell'abuso di sostanze stupefacenti grazie all'utilizzo della comicoterapia.

Il punto vendita di Rivoli e l'Associazione Promozionale sociale Rondò di Bimbi Onlus hanno creato un progetto rivolto a ragazzi e adulti con disabilità cognitiva. L'obiettivo è quello di creare una squadra di calcetto che si impegni in allenamenti settimanali e nel gareggiare in un campionato. Questo favorirà sia l'educazione coordinativo/motoria dei ragazzi, sia la loro socializzazione.

L'ipermercato di Padova e l'Associazione Nuova realtà hanno costruito il progetto Ci provo …anch'io. Esso coinvolgerà dei giovani con disabilità intellettiva medio lieve e cercherà di promuovere la loro autonomia grazie a percorsi che permetteranno ai partecipanti di cercare di sperimentare la vita senza genitori in ambienti protetti in modo da rendersi conto del loro grado di indipendenza.

Il punto vendita di Cagliari Marconi e la Fondazione Domus de Luna hanno creato il progetto Street School, indirizzato ai giovani della periferia del capoluogo sardo. Verranno forniti agli ospiti aiuto nell'esecuzione dei compiti, ma anche dei laboratori di riciclo creativo per stimolare la loro fantasia e le loro doti artistiche.

L'ipermercato di Vicenza, in sinergia con l'Associazione SOS villaggi dei bambini Italia ha sviluppato il progetto Monti Pallidi, che attraverso un percorso di montagna terapia si prefigge l'obiettivo di accrescere l'autostima, la capacità di comunicare e le abilità coordinative e percettive di alcuni ospiti dei villaggi.

Il punto vendita di Sassari, insieme alla Cooperativa Porta Aperta ha costruito il progetto Casa sull'albero 2, che offre uno spazio di accoglienza e protezione a minori allontanati dalla famiglia con l'obiettivo di creare o allargare le prospettive di vita per i bambini e le possibilità di realizzazione del proprio benessere.

L'ipermercato di Nerviano e la ONLUS Villaggio SOS di Saronno con l'aiuto della Fondazione hanno avviato un progetto che consente a 6 giovani cresciuti all'interno del villaggio varesino di accoglienza e sostegno, di effettuare una esperienza di lavoro professionalizzante in piccole aziende artigiane del territorio.

Il punto vendita di Roma Casalbertone insieme alla onlus Sensacional ha creato un progetto che intende sviluppare la sensibilità alla corretta gestione dei rifiuti e della aree pubbliche coinvolgendo gli alunni delle scuole primarie e secondarie limitrofe e creando un'isola compost ed un orto didattico.

L'ipermercato di Vimodrone (MI) e l'ONLUS "La Goccia", associazione che ha l'obiettivo di assistere i giovani disabili con particolare attenzione al tempo libero, hanno attivato due laboratori teatrali, uno composto da 22 membri e l'altro da 12 membri entrambi integrati (normo-dotati e disabili).

Il punto vendita di Monza grazie al supporto della Fondazione, ha contribuito al finanziamento di un percorso di formazione per operatore in ambito gastronomico e della ristorazione per ragazzi in dispersione scolastica.
Il corso, che è una delle attività formative realizzate dalla Cooperativa Sociale IN-PRESA, ha come obiettivo finale quello di rendere assumibili i ragazzi che lo frequentano, fornendo loro le competenze trasversali e professionali richieste oggi dal mondo del lavoro.

Il progetto «Lapis&Film», ideato e condotto dalla cooperativa GET con il sostegno di Auchan Casamassima (BA), nell'ambilto dell'Accademia del Cinema Ragazzi, coinvolge i bambini da 5 a 10 anni del quartiere Enziteto - San Pio (Bari) e consiste in un corso di formazione sulle tecniche di animazione, attraverso lavori di gruppo e attività ludiche e creative. La formazione mira a sviluppare il potenziale cognitivo dei bambini, l'approccio creativo, il senso di appartenenza, l'autostima e l'empatia.

Il progetto "Liberi di Fare Sport", ideato e condotto da IDIS Città della Scienza di Napoli con il sostegno di Auchan Giugliano (NA), si rivolge ai 70 ragazzi dell'Istituto Penale Minorile di Nisida e intende trasmettere loro vari strumenti rieducativi atti al reinserimento nella vita di tutti i giorni, attraverso la formazione e i valori sani dello sport, lontano da qualsiasi forma di devianza e dipendenza. Un corretto stile di vita, la prevenzione delle malattie e praticare attività sportiva diventano il mezzo per promuovere la socializzazione, l'educazione e la riabilitazione. Il futuro della nostra società dipende dalla necessità di dare anche a questi giovani l'opportunità di riscattarsi e integrarsi come cittadini.

«Mangia Bene, Cresci Bene», ideato e condotto dalla Cooperativa sociale Cresciamo Insieme con il sostegno di Auchan Mesagne (BR), si propone di accompagnare i bambini di due sezione della scuola materna di Mesagne e le loro famiglie, attraverso un percorso di formazione alla buona alimentazione e ad un corretto stile di vita per prevenire i disturbi alimentari, l'obesità infantile e le malattie.

Il progetto «#camminaconnoi», ideato e condotto dall'Associazione Noi Genitori di Tutti con il sostegno di Auchan Nola (NA), si propone di prevenire le malattie oncologiche dei bambini della Terra dei Fuochi con l'acquisto di un ecografo, che sarà utilizzato per lo screening gratuito a cura di specialisti volontari che collaborano attivamente con l'Associazione stessa. Inoltre, il progetto prevede anche la formazione e la diffusione nelle scuole di buone pratiche per prevenire il cancro e per creare una cultura basata su comportamenti responsabili.

Il progetto «EducaMare», ideato e gestito da SOS Villaggi dei Bambini con il sostegno di Auchan Porta di Roma, vuole permettere ai giovani del Villaggio SOS di Roma di vivere una vacanza educativa e formativa al mare. Il progetto si propone di promuovere comportamenti consapevoli e responsabili, affinché i ragazzi possano divertirsi e accrescere la stima di sé. Tutte le attività hanno lo scopo di rafforzare il rispetto dell'ambiente e la salvaguardia del mare, per favorire la creazione e il consolidamento di una cultura ecologica.

Il progetto "Accademia +", ideato e condotto dall'associazione Nuvolaverde 2.0, e sostenuto da Makerland Monza si propone di preparare i giovani alla conoscenza digitale e formare professionisti della realtà aumentata per le imprese e per la promozione del patrimonio culturale. La formazione di 160 ragazzi potrà favorire la loro integrazione nel mondo del lavoro.

Il Progetto "LEO MARKET", ideato e condotto da Auchan Torino e dall’Associazione ETA BETA, si rivolge a numerosi giovani disabili, al fine di favorirne l'inserimento nel mondo del lavoro attraverso una formazione al mestiere dell’ipermercato, condotta con una stretta relazione tra gli educatori dell’associazione e i professionisti del mestiere della squadra di Auchan Torino.

Il progetto "Dare voce ai Siblings", costruito e attivato da Auchan Cuneo e dall’associazione “Fiori sulla Luna” ha l'obiettivo di accompagnare numerosi fratelli e le sorelle di bambini affetti da disabilità, per prepararli a vivere questa situazione e per prevenire per loro i rischi di disturbi emotivi, relazionali e sociali. Inoltre, il progetto si propone di aiutare i fratelli, affinché da adulti possano costituire per i disabili e i genitori un punto di riferimento maturo e sereno lungo tutto il corso della loro vita.

Il progetto “Cavalcando un sogno”, ideato e realizzato dall’Auchan di Fano (PU) e dall’Associazione ANFFAS ha l'obiettivo di sostenere l'acquisto di un cavallo e di una carrozzella, per permettere di partecipare all'ippoterapia anche ai giovani disabili intellettivi non in grado di montare a cavallo. Il sostegno consente così all'associazione la possibilità di estendere il proprio servizio di ippoterapia, in passato accessibile solo ai ragazzi in grado di montare a cavallo.

Il progetto "ImpariAmo Insieme", ideato e condotto dall’Auchan di Palermo e dall'associazione Albero della Vita, ha l'obiettivo di combattere l'abbandono scolastico nel quartiere dello Zen di Palermo, contribuendo all'opera delle istituzioni pubbliche con l’impegno degli educatori dell’associazione e della squadra dell’ipermercato, impegnati a costruire percorsi individuali e collettivi di formazione e sostegno scolastico.

Dal 2013 ad oggi la Fondazione Auchan per la gioventù ha finanziato 26 progetti italiani, di cui 10 nel 2013, 3 nel 2014, 3 nel 2015, 6 nel 2016 e 4 nei primi mesi del 2017. La somma dei finanziamenti erogati ammonta a oltre 303.000 euro.

Per saperne di più sulla Fondation Auchan pour la Jeunesse clicca qui

Dal 2012 è attiva anche una partnership con SOS Villaggi dei Bambini a livello locale, nazionale e anche internazionale con il Gruppo Auchan. A fronte di un contributo economico della Fondazione Auchan i giovani accolti nei Villaggi SOS di Roma e Vicenza hanno avuto l'occasione di iscriversi al programma d'inserimento lavorativo "SOS Lavoro", che prevede la partecipazione a corsi professionali, borse lavoro, tirocini e stage.
La partnership con SOS Villaggi dei Bambini si sviluppa a livello locale tramite diverse forme di collaborazione, che variano a seconda delle specifiche esigenze del Villaggio presente sul territorio. Sono in fase di sviluppo nuovi progetti che amplieranno il supporto della Fondazione Auchan ed apriranno pertanto nuove possibilità ai giovani ospitati nel Villaggi.